RSS
Blog
A Dedication to FOSS: Interview with LPI Volunteer Elayne Lemos

Una grande passione per il FOSS: intervista con la volontaria LPI Elayne Lemos

May 5, 2022 - by Andrew Oram

Elayne Lemos, programmatrice impiegata presso il partner di LPI Sysvale, è una "star del volontariato" di LPI. Secondo il direttore del Community Engagement di LPI per le aree di lingua spagnola e portoghese, Elayne è la migliore traduttrice tra l'inglese e il portoghese, oltre che un valido supporto in molti eventi. I lettori possono constatare la sua padronanza dell'inglese, così come la sua passione e il suo talento per le tecnologie open source, nella seguente intervista.

Come ti sei avvicinata al mondo IT e a LPI?

Le mie prime esperienze con la tecnologia risalgono all'adolescenza, quando cercavo di capire qualcosa di più sui computer e, allo stesso tempo, i computer che avevamo in famiglia smettevano improvvisamente, e spesso, di funzionare. Ho scoperto il mondo open source e Linux a 14 anni e la programmazione a 16. Mi è sempre piaciuto testare le cose e vedere come funzionano i sistemi, e fin dall'inizio sono rimasta affascinata dal terminale.

La mia storia con LPI è piuttosto buffa. Fin dall'inizio del mio percorso accademico mi sono sempre sforzata di partecipare agli eventi, ed è stato in occasione di uno di questi che ho sentito parlare per la prima volta Cesar Brod. Dopo qualche anno, siamo entrati in contatto su LinkedIn e ho continuato a seguire il suo lavoro nella comunità. Così ho saputo che sarebbe venuto a partecipare a un evento di Sysvale, un'azienda che già ammiravo all'epoca, all'inizio del 2020, e gli ho detto che volevo comprare un Tux da ritirare all'evento. Alla fine ho ricevuto un sacco di gadget e abbiamo parlato molto. È stato allora che ho scoperto la possibilità di fare volontariato per LPI e, dato che avevo un'esperienza di volontariato precedente e recente che richiedeva molto in termini di comunicazione in inglese, sono riuscita a farmi accettare nel team dei traduttori. Dopo un po' ho anche iniziato ad aiutare Cesar in tutti i tipi di eventi come staff.

L'ambiente ICT è davvero favorevole alle donne? C'è bisogno di migliorare?

Nella mia breve esperienza, ho avuto il privilegio di sperimentare un ambiente tecnologico favorevole non solo alle donne, ma anche ad altri gruppi storicamente minoritari. Allo stesso tempo, non posso fare a meno di sottolineare la grande disparità di genere nella comunità. Se prendiamo, per esempio, il sondaggio sugli sviluppatori di Stack Overflow del 2021, su 80.000 intervistati in tutto il mondo, quasi il 92% si è identificato come maschio. Vedo con piacere che c'è uno sforzo per dare più opportunità e per rendere questo ambiente più accogliente, ma i numeri indicano che c'è ancora molta strada da fare verso la rappresentatività, verso l'avere più donne che scelgono una carriera tecnologica.

Hai detto di aver ammirato a lungo Sysvale (il primo Hiring Partner di LPI), e ora è l'azienda per cui lavori. Che cosa ti piace di Sysvale?

Ho voluto lavorare in Sysvale per diversi motivi. In primo luogo, ho visto l'opportunità di lavorare in un'azienda che offriva un valore sociale: siamo un'azienda di tecnologia sanitaria incentrata sulle cure primarie. Inoltre, volevo lavorare qui per l'esperienza professionale in sé, perché offriamo spazio e opportunità per imparare, innovare e crescere. Dopo tutto, il nostro obiettivo è prenderci cura delle persone. Posso mettere in discussione ed avere un atteggiamento critico costruttivo per il bene di tutto il team. È un ambiente estremamente collaborativo, che mantiene stretti rapporti con la comunità tecnologica e accademica e con la società. Inoltre, ho l'opportunità di lavorare con le tecnologie open source, dato che il nostro intero stack si basa su progetti open.

LPI e Sysvale hanno fatto la differenza nella tua vita?

LPI e Sysvale hanno fatto un'incredibile differenza nella mia vita, sia per me come persona sia come professionista. Grazie a LPI, ho potuto avvicinarmi alla comunità e contribuire, in modo che la comunicazione non fosse una barriera tra la conoscenza e il pubblico in Brasile, specialmente per coloro che iniziano la loro carriera nell'ICT. Ho potuto partecipare a eventi e imparare molto in questo processo. E in Sysvale ho vissuto la migliore esperienza lavorativa possibile. Ho scoperto la mia passione per DevOps e cloud con un team incredibile, e ho anche il supporto per perseguire una carriera che mi fa sentire appagato ogni giorno.

Gli eventi ICT sono importanti?

Indubbiamente. Gli eventi tecnologici sono situazioni uniche che creano ponti e insegnano alle persone. Da essi, le diverse esperienze di aziende e persone diverse si intersecano per continuare a far evolvere il settore, creando prodotti sempre più affidabili. Inoltre, l'esercizio di networking è unico: si riuniscono persone che sono lì anche per creare connessioni e aprire nuovi canali di comunicazione.

Quali sono i tuoi sogni per il futuro?

Ho sempre creduto che si possa creare qualcosa che possa tornare utile alla società in generale. E anche se non so ancora esattamente come, perché sono solo una ragazza di 24 anni all'ultimo anno di università, voglio contribuire a ridurre le disuguaglianze sociali ed economiche che viviamo soprattutto in America Latina. Fortunatamente, l'area tecnologica ha creato molte opportunità di mobilità sociale e sarebbe davvero fantastico se potessi contribuire con il mio lavoro su DevOps, sia attraverso il mentoring, sia creando nuovi posti di lavoro o mettendo in contatto le persone con chi ne cerca il talento. Inoltre, ho alcuni obiettivi personali, come ottenere alcune certificazioni e padroneggiare alcune tecnologie che vorrei provare nel corso della mia carriera. Non vedo l'ora!

Cosa fanno i nerd quando non sono nerd?

Mi piace correre, passare del tempo con i miei cani, godermi del buon vino e guardare un film. Mi piace anche leggere narrativa, anche se ultimamente non ho molto tempo da dedicare a questa passione.
 

About Andrew Oram:

Andrew Oram

Andy is a writer and editor in the computer field. His editorial projects at O'Reilly Media ranged from a legal guide covering intellectual property to a graphic novel about teenage hackers. Andy also writes often on health IT, on policy issues related to the Internet, and on trends affecting technical innovation and its effects on society. Print publications where his work has appeared include The Economist, Communications of the ACM, Copyright World, the Journal of Information Technology & Politics, Vanguardia Dossier, and Internet Law and Business. Conferences where he has presented talks include O'Reilly's Open Source Convention, FISL (Brazil), FOSDEM (Brussels), DebConf, and LibrePlanet. Andy participates in the Association for Computing Machinery's policy organization, USTPC.