RSS
Blog
12,322 km, two non-profits, one project

12.322 km, due organizzazioni non profit, un progetto

August 4, 2022 - by Max Roveri

It's a Long Way to Tipperary, come dice una vecchia canzone. La strada tra Toronto e Karachi è ancora più lunga, soprattutto se si fa tappa a Dublino, in Irlanda (in effetti non lontano da Tipperary), Milano e Prato, in Italia. Se Google Maps  (come da screenshot) non mente, si tratta di un viaggio di 12.322 km in linea d'aria.

C'è voluto più di un anno per creare un progetto che riunisce due organizzazioni non-profit (sulle quali - ebbene sì: diciamo subito - sono piuttosto di parte) e per unire quei puntini sulla mappa: The Citizens Foundation, attraverso il suo Capitolo italiano, Italian Friends of TCF, e il Linux Professional Institute (LPI). Questo post racconta la storia fino a ora: restate sintonizzati su queste pagine digitali per i capitoli successivi!

Sostenere organizzazioni non profit

Il mio coinvolgimento in LPI è iniziato nel 2015 con la sede italiana, e il mio ruolo è poi cresciuto nel tempo. Sono sempre stato entusiasta della Mission di LPI: promuovere l'uso dell'open source sostenendo le persone che ci lavorano. Mi sono definito in un post precedente come un individuo diversamente nerd. Sono molto lontano dall'essere un programmatore (l'unica riga di comando che padroneggio abbastanza bene è la cheat console del mio videogioco preferito, Skyrim), ma i principi e gli obiettivi dell'Open Source sono estremamente vicini ai valori e agli scopi che stanno alla base della mia visione del mondo.

Questi principi sono tra gli strumenti più potenti che abbiamo per affrontare l'uguaglianza, il cambiamento climatico e le sfide che ci vengono lanciate da un mondo che sta diventando sempre più piccolo e interconnesso (avete presente una recente pandemia?). Far parte di un'organizzazione che permette alle persone di tutto il mondo di avere un lavoro migliore, una vita migliore e comunità migliori grazie a Linux e all'Open Source è, per me, qualcosa di cui essere orgogliosi. È l'impagabile sensazione di lavorare per i buoni, no?

L'inizio del mio coinvolgimento in LPI è stato piuttosto casuale. È partito da un contatto con una persona di Firenze con cui avevo lavorato alla fine del secolo scorso. Questo mio amico ed ex collega mi propose di inviare il mio CV a Daniele Cirio, l'Account Executive di LPI in Italia. Ho scoperto che Daniele - che prima non conoscevo - aveva un'incredibile esperienza nel sostegno alle infrastrutture informatiche delle ONG, e nel farlo attraverso il software libero e open source (FOSS). Quella sensazione impagabile, di nuovo...

Non ho incontrato i miei colleghi di Prato, in Italia, per un po' di tempo, dopo che avevo già iniziato a vivere, e quindi a lavorare in remoto, da Dublino. E ci è voluto fino al 2017 prima che potessi incontrare faccia a faccia i miei colleghi internazionali in occasione di un summit LPI per il quale non ho dovuto nemmeno prendere un volo, dato che si trovava a 30 minuti di macchina dal centro di Dublino, a Malahide.

The Citizens Foundation e IFTCF

Logo della Fondazione Italiana Amici del Cittadino

L'inizio del mio coinvolgimento con la Italian Friends of The Citizens Foundation (IFTCF) no-profit, il capitolo italiano di TCF Pakistan, è stato ancora più casuale del mio legame con la LPI.

L'esistenza stessa dell'IFTCF è una storia che solleva lo spirito: Inizia nel 2010 quando una filantropa americana che vive a Milano, in Italia, Gretchen Romig Crosti, profondamente colpita dalle notizie sulle alluvioni in Pakistan, sente parlare per la prima volta del TCF e decide immediatamente di agire, dedicando il suo tempo, le sue risorse, i suoi sforzi, alla causa del TCF: portare anche nelle aree più povere del Pakistan un'istruzione di alta qualità, partendo dalla costruzione di scuole e proseguendo con la fornitura di tutte le infrastrutture e della forza lavoro per mantenerle attive. Francamente non conoscevo la Citizens Foundation (mi sono trovata nel posto giusto al momento giusto). Colpa mia. Perché l'eredità di 27 anni della Fondazione dei Cittadini è - non riesco a trovare una parola migliore - impressionante.

La Citizens Foundation (TCF) è stata istituita nell'agosto 1995. Nel 1995, come si legge sul sito della TCF, "Sei amici si riuniscono e concordano sul fatto che l'istruzione è la chiave per risolvere un'ampia gamma di problemi sociali".

Il Pakistan ha il secondo più alto numero di bambini non scolarizzati al mondo. Quei sei amici si sono impegnati - e hanno investito il loro denaro - per affrontare questo triste stato di cose, creando una sana struttura organizzativa per costruire, gestire e dirigere scuole ben progettate e fornire ai loro alunni un'istruzione di alta qualità e di livello internazionale.

Studenti del TCF College
 

Ho scritto manning, ma potrei scrivere womanning, dato che il 100% dei presidi e degli insegnanti delle scuole del TCF sono donne, ed è garantita una proporzione equilibrata tra i sessi nel corpo studentesco. (Non avremo questo rapporto sorprendente nel primo gruppo di studenti LPI, ma abbiamo alcune studentesse, e spero che raggiungeremo la parità con la crescita del progetto).

Il viaggio del TCF è iniziato con l'obiettivo di costruire 1.000 scuole nelle aree più povere del Pakistan: nei quartieri più poveri e anche nelle aree rurali più remote.

Oggi - con i dati del marzo 2022 - il TCF conta 1.833 unità scolastiche per 280.000 studenti. Nel frattempo, il programma di alfabetizzazione degli adulti Aagahi e la costruzione di depositi di acqua filtrata rendono ancora più profondo e forte l'impatto positivo di una scuola TCF in una zona. È solo nel 2019 che la strada dell'IFTCF e la mia si sono incrociate. È stata di nuovo, immediatamente, quella sensazione impagabile di lavorare per il bene dei ragazzi.

Nel 2019 la mia posizione in LPI aveva appena iniziato a cambiare. Mentre l'ambiente FOSS italiano era ancora al centro del mio coinvolgimento, il mio impegno aveva iniziato ad avere una prospettiva internazionale. Alla fine del 2019 Marta Righetti è entrata in IFTCF come direttore generale. Marta aveva già un'esperienza internazionale nell'ambiente non profit (ONG): Ho iniziato a pensare che, probabilmente, avrebbe potuto trovare interessante avviare una conversazione su come il TCF avrebbe potuto essere interessato ad aggiungere il framework di certificazione LPI al curriculum della loro università. Sarebbe stato bello iniziare subito quella conversazione, ma il COVID-19 aveva piani diversi per tutti noi...

Gli ultimi due anni sono stati piuttosto duri per tutti.

Il CNT ha dovuto affrontare l'emergenza senza precedenti lanciata dalla pandemia, che ha reso ancora più difficile il già difficile contesto dell'insegnamento nelle aree più povere del Pakistan. Abbiamo messo in ghiacciaia la conversazione che volevamo fare: fino a un momento migliore. Fino ad ora.

Finalmente uniamo i puntini

E' con quei tempi migliori che tutti speriamo di avere davanti che abbiamo - finalmente! - avviato la conversazione tra l'IFTCF e la sua sede centrale pakistana per valutare se il TCF avrebbe trovato il pannello delle certificazioni dell'LPI interessante per l'organizzazione.

Con TCF che ha già un occhio di riguardo per l'innovazione, grazie a un meraviglioso team di insegnanti di informatica qualificati nel suo college di Karachi, la risposta è stata quella attesa. All'interno di LPI, ho iniziato a lavorare con Evan Leibovitch per rendere TCF un partner.

Al tempo stesso, l'idea di portare LPI in Pakistan era entusiasmante. Formare il primo gruppo di futuri insegnanti del corso LPI del TCF è stato più impegnativo, ma anche più eccitante. E non ho dovuto cercare troppo lontano.

La LPI collaborava con Andrea Polidori da alcuni anni, su progetti quali la traduzione e la redazione dei materiali didattici della LPI. Conosco l'encomiabile impegno di Andrea nella comunità FOSS e nelle iniziative di giustizia sociale e inclusione: Si è subito buttato a bordo. Avevamo il nostro formatore di insegnanti!

Cosa sta succedendo

Studentesse in una scuola TCF
 

Finalmente tutti i pezzi degli scacchi erano sulla scacchiera. Era ora di iniziare a giocare. Hammad Khalid, Head of College del TCF, ha selezionato un gruppo di insegnanti il cui background si adattava alle competenze e alle conoscenze necessarie per diventare un ottimo LPI Linux Essentials Trainer.

A partire dal giugno 2021, in occasione dell'EMEA Partners Meeting, abbiamo sperimentato l'utilizzo di Mattermost di LPI come una sorta di canale di interazione sociale. Ho pensato che Mattermost potesse essere di nuovo lo strumento giusto: Tutte le persone coinvolte nel progetto sono ora, quasi letteralmente, sulla stessa pagina, su un canale Mattermost dedicato al progetto.

Mentre scrivo questo post, grazie a Evan, la scacchiera è in fase di allestimento. È quasi il momento della partita a scacchi!

Cosa succederà adesso?

I futuri formatori hanno appena iniziato a familiarizzare con gli obiettivi e gli argomenti dell'esame Linux Essentials attraverso il Materiale didattico sul portale di apprendimento LPI. Andrea inizierà presto le lezioni online.

IFTCF è ora un partner accademico di formazione LPI. Attraverso IFTCF, sei persone saranno formate per sostenere l'esame Linux Essentials presso il TFC College di Karachi.

L'unico college TCF offre anche opportunità nelle discipline STEM. Essendo un college orientato alla tecnologia, più del 50% dei suoi studenti sono ragazze. Essendo così, e "doppiamente" coinvolta, ho voluto aggiungere qualcosa di personale e di concreto a questa lunga serie di punti collegati: Ho voluto coprire il primo anno di partnership del TCF con una donazione.

Tra pochi mesi, il TCF College di Karachi avrà il primo gruppo di formatori certificati LPI Linux Essentials. Da quel momento in poi, il TCF sarà in grado di fornire una formazione informatica certificata di alto livello ai suoi studenti e di prepararli a carriere di alta qualità lavorando con l'Open Source. Questa iniziativa porterà benefici non solo agli studenti, ma anche all'ambiente che li circonda. Una delle mie citazioni preferite di Malala Yousafzai è: "Un bambino, un insegnante, un libro, una penna possono cambiare il mondo". Sarà interessante ciò che noi, con il TCF, saremo in grado di fare con 1.833 scuole, sei formatori, un archivio di materiali didattici e una linea di comando...
 



About Max Roveri:

Max Roveri

Massimiliano "Max" Roveri is a writer, blogger, editor and social media manager. He started writing on the internet in the late '90s and he went back to the digital media in 2009. Since 2014 he lives in Ireland and, since 2015, he has been part of the LPI Italy team. He is professionally involved in cultural mediation projects, with an event management side, and in education projects as a professional and as a volunteer as well.  With a background in humanities and philosophy, he loves to address the ethical and social aspects of Open Source, with an approach that nods to Gregory Bateson and Robert M. Pirsig. Photo: uphostudio